Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

10 settembre, 2016

Maria Bartolomea dita Mariute de Monaster




La storia interpretata a la graisana....

Nella giornata della presenza dell' Imperatore Napoleone a Grado il 13 dicembre 1797, l' illustre personaggio scopre  i  pregi del boreto alla gradese e gli effetti del pepe abbondante che provocano  strane voglie, che rendono protagonisti della nostra storia  Mariute de Monaster  vera "fatutto" e il Letto a Baldacchino.


...Napoleon per concilià al sono, al beve un poco de anice cò l' acqua, comò che al feva de solito in quele ocasion, e duto se calmeva. 
Ma stavolta no gera ninte de fà sentao là sul leto col baldachin, al Gran General a Gravo, invesse de ciapà sono i viniva pè la testa e in oltre parte del corpo, in certe parte basse, i viniva comò istinti, caluri pitosto masculini " Che strano, che curioso" al penseva Napolion, gera tanto che no compariva quii istinti primitivi.
Ma elo voleva reposasse e per  durmì  quasi sentao al cussin drio la schena gera poco e lora al tireva un cordon drio de 'l leto e pronto l' Attendente se precipiteva in camara, a sintì che che vol al paron.
E va a riferire- Al Grand General vol ancora un cussin, mercì - incora un cussin "encore un coussin!"
De là do minuti Maria-Bartolomea dita "Mariute de Monaster" la giovanetta ben messa "fatutto" della casa, sensa bate la porta la se presenta e la dize:


Sior General, soi cà col cussin come che vù gavè comandat!"


Cussì Mariute le se vissina al leto col baldachin e i comodeva al segondo cussin drio la schena del nobile Gran General..
Dopo 'vè fato un mezo inchino la feva pè 'ndà via...


"Un moment, un moment Madamoiselle" diseva a mesa voce Napolion e cò una man i feva segno de tornà indrio, verso de elo, là sentao mezo stravacao sul leto col baldachin.

Gera una giornada piutosto freda e drento la camara de Napolion no gera tanto coldo, almeno fin a quel momento...

L' Attendente Dellemaigne camineva su e zò fora la porta de la camara e al se steva domandando se gera duto a posto, perchè i pareva che gargossa no 'ndeva sigondo i piani, al cussin in più vaben, ma Mariute de Monaster gera più de tre quarti de ora che la gera in camara, col cussin e cò Napolion.

Dopo, passagia incora una mezaoreta, Mariute l' ha spalancao la porta e la ze vignua fora de la camara, l' ha vardao l' Atandent che al gera sempre al sovo posto e i ha dito:


 " Sior Atendant a puest duc a puest, là 'nta la camara"  
e via ela che la veva gargossa 'nte le man.

Soneva le ore intanto e dopo 'vesse rilassao e forsi reposao al Grand General ben svegio e perfin suridente (roba che no i capiteva quasi mai) Napolion gagiardo e vispo, vistio de duto punto col sò capelo de traverso in testa, al ze vignuo fora de la camara e l' ha dito:


"La meer...la meer...voglio vedere il mare!"

E cussì i lo ha portao davanti al mar, cò Trieste che se vegheva là in parte e l' Istria davanti.

Continua...

Share/Bookmark

Nessun commento: