Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

Faccio un giro sulla mia vita. Poi Torno!

07 agosto, 2017

Riflessioni a Cason



Un pescatore di Laguna solitario, faceva queste riflessioni "consando" le reti davanti al suo casone sospeso tra cielo e mare sul finì della Laguna de Soto ai margini de Sototerena

Ara qua, noltri de 'ste lagune,
 inverni umidi e lunghi, caligo che te va drento i ossi,
 paese comò medicamento 
e se tiremo su, 'ndemo 'vanti!

Po'te riva l' istae co' la brusera, i foresti, 
al sol che te bate su i sintiminti, i mossati, le alegh
Quii de tera i ze calcolai omini de la sapienzia.
si, si! 
noltri magnevemo gransi in fogo, 
incuo magnemo polastrsolo se i xe rusti però!
Geri viveveno in t'un cason e durmiveno per tera.
Incuo, letto alla francese con materasso Spermaflex 
e villetta in zona residenziale 
e scussì va 'l mond.perchè qua 
nell' "Isoladelsole" no' vinse "l'omosapiens" no!

Qua vinse l'isola, e no' ha valso ne i punti ne le strae che ne liga al mondo.!

---------------
I Pescatori da Paluo sembrano selvatici, perchè isolati e senza contatti cosiddetti civili, ma hanno una gentilezza e una bontà innata e riescono, a loro modo, farvi vedere fenomeni naturali come fossero miracoli e vi lasciano basiti per la loro profondità.

Li descrive così Giuseppe Caprin sul finire del 1800 nel suo "Lagune di Grado":

...vi parlano del maggio del mar.. quando le vaste praterie di alghe segate dall'acqua primaverile vengono gettate sulle sponde;
...vi parlano del sangue del mar... quando milioni di microrganismi animali si aggregano colorando il mare di rosso e fanno pensare a lotte senza scampo, feroci.
..al paluo de la silisa.. (la rondine)la parte di laguna vasta che va da Anfora a Sototerena, senza mote solo acqua a volo d'uccello, poesia pura, osservazione dei fenomeni che li circondano amorevole e struggente.
..la piova de i razzi... quando le stelle cadenti piovono giù dal cielo nelle notti estive, i bimbi credono che si siano spente , abbiano perso la loro propulsione e si trasformino in fiori che cadono sui banchi esterni.

Questi sono i Pescauri del Paluo, persone che parlano poco, rifuggono la confusione, l'intromissione di estranei, con gli occhi sognanti nel loro mondo esterno diventato ormai quello interiore. 



Share/Bookmark

Nessun commento: